la nostra OLIMPIADE 2016

Paralimpiadi_Rio_2016

Da oggi, 8 settembre, per una decina di giorni a Rio de Janeiro si disputa la sfida sportiva per cui PINOCCHIO & I SUOI COMPAGNI D’AVVENTURA ‘tifano’  con grande coinvolgimento, ed entusiasmo. Ogni uomo, donna e, soprattutto, giovane che vi partecipa è infatti una persona che, come tutti gli atleti di ogni paese del mondo in ogni tempo, ha dovuto superare molte prove nella disciplina e ‘carriera’ sportiva in cui si confronta con gli altri concorrenti a rappresentanza della propria nazione, ma anche tante difficoltà che invece sono ‘speciali’ perché drammi e problematiche che è stato costretto ad affrontare di persona in circostanze particolari… una sfida per tutti !

logo-paralimpic-gamesLe OLIMPIADI PARALIMPICHE sono tanto importanti anche perché grazie allo sport, e alle gare che ne sono il ‘propulsore’, è incentivata la ricerca scientifica medica e tecnologica applicata alle tante e specifiche problematiche motorie e neurologiche dei disabili, un impegno che aiuta a curare e soccorrere tutti, anche chi necessita di trattamenti temporanei, senza essere affetto o colpito da disabilità permanenti. Inoltre, perché nel puntare l’attenzione alle difficoltà viene posta anche la questione delle cause che hanno provocato le disabilità, quindi delle responsabilità di chi non ha fatto tutto il possibile per evitare che accadessero o si aggravassero. ban-ki-moon-sport_Ogni atleta paralimpico infatti è una persona a cui una malformazione, una malattia, un incidente, l’indigenza o una guerra hanno tolto il bene più prezioso di ogni essere vivente, la salute, e la possibilità di vivere in autosufficienza, senza necessità dell’assistenza medica e sociale per provvedere al proprio mantenimento e senza il bisogno di attenzioni, cure e aiuti di familiari, amici, colleghi, conoscenti e ogni persona attorno a lui o lei.  Una condizione che non toglie nulla alla dignità della persona, e non deve condizionare negativamente nessuno.

La PARALIMPIADE 2016 è molto importante proprio perché la prima a svolgersi dopo un evento determinante, l’estensione e sottoscrizione, con la firma dei rappresentanti della società civile internazionale, della CARTA ALL’INCLUSIONE DEI DISABILI NEGLI INTERVENTI UMANITARI – Charter on Inclusion of Persons with Disabilities in Humanitarian Action.

whs 2016 - cr #3

la fiamma delle OLIMPIADI 2016

accensione_torcia_olimpicaDopo l’accensione al tripode nelle rovine del tempio di Era a Olimpia in Grecia, dove nell’antichità si svolgevano le olimpiadi, il 21 aprile la fiamma olimpica ha fatto un piccolo ‘giro del mondo’, con tappa alla sede ONU di Ginevra, e il 3 maggio ha iniziato a fare il giro del Brasile: dalla partenza a Brasilia all’arrivo a Rio de Janeiro, dove  il 5 agosto verrà portata allo stadio Maracana per la cerimonia inaugurale dell’edizione 2016 delle competizioni sportive, in 95 giorni la fiaccola raggiungerà 83 città percorrendo circa 20.000 chilometri impugnata da 12 mila ‘tedofori’, ciascuno per 200 metri. fiamma OLIMPIADI 2016Nel primo tratto, è stata portata dalla 12enne Hanan Dacka, che dopo la fuga dalla propria città, Idlib nella Sira nord occidentale, e due anni di permanenza nel campo profughi di Zaatari in Giordania, insieme ai genitori e ai fratelli da circa un anno abita nella brasiliana São Paulo. “La cosa più bella e importante che fa lo sport è che fa divertire e fa fare amicizie”, ha dichiarato Hanan Dacka, che sulla propria esperienza ha osservato: «Spero che vedendomi portare la fiaccola olimpica la gente di tutto il mondo sappia e capisca che i rifugiati sono persone vere, e che noi rifugiati possiamo fare tante cose positive».

olipic truceNell’antichità il ‘fuoco sacro’ emblema di Giove fiammeggiava a Olimpia a simboleggiare la tregua olimpica che tra i Greci veniva indetta a cominciare da una settima prima, durante lo svolgimento delle gare sportive e per tutta la settimana successiva. L’ONU e molte organizzazioni e associazioni umanitarie chiedono che le Olimpiadi 2016 che si disputeranno a Rio de Janeiro siano l’occasione per ristabilire questa usanza. CONFILTTI mondiali in aprile 2016Con incessanti domande, rivolgono un appello a governi, ribelli e ogni fazione, gruppo militare ed esercito per la sospensione delle azione belliche in tutti i paesi e luoghi del mondo in cui sono attualmente in corso conflitti: moltissimi in tutto il mondo, come illustra la mappa, che col colore più intenso segnala i più cruenti, tra cui la guerra in Afghanistan che dal 1978 ha mietuto 2 milioni di vite e la guerra civile in Siria che perdura dal 2011 e ha falcidiato circa 500 mila vite umane. 2016-04-29 Olimipic TruceLa tregua olimpica è stata invocata il 29 aprile scorso a Ginevra quando la fiaccola è stata portata alla sede ONU e sarà un argomento di dialogo tra i rappresentanti delle Nazioni Unite e i partecipanti all’incontro che si terrà il 23 e 24 maggio a Istambul, logo WHS world_humanitarian_summitil World Humanitarian summit, a cui tutti possono rivolgere i propri messaggi tramite i molti canali aperti sui social-media con la ‘parola-chiave’ #ShareHumanity. 

info WHS - core responsabilities - share humanityTREGUA OLIMPICA

ONU / SPORT PER LA PACE

WORLD HUMANITARIAN SUMMIT