MANDALA DI CORIANDOLI

OPERA D’ARTE ESTEMPORANEA COLLETTIVA

creata da Livio Bourbon insieme al pubblico, protagonista della performance

sabato e domenica  3 – 4 GIUGNO 2017  ●  CASALE MONFERRATO

MA … CHE C’AZZECCA UN MANDALA CON IL MONFERRATO

La domanda sorge spontanea, è logico ! ! ! E la risposta non è scontata, anzi…

E COME MAI DI CORIANDOLI ?

Perché sono il simbolo del Carnevale, una tradizione italiana molto viva in Monferrato! E noi ci ricordiamo di quando lo abbiamo festeggiato nel 2010, proprio a Casale Monferrato!

I coriandoli son fatti di carta, una produzione realizzata con con materiali di recupero da un’azienda del Monferrato, dove la carta è prodotta con materia prime ricavate con con tecniche sostenibili, gli alberi di piantagioni e boschi coltivati con cura nella catena di custodia dei patrimoni ambientali del territorio. Dopo la “dissoluzione” dell’opera, cioè quando il gigantesco mandala sarà finito e verrà disfatto, i coriandoli con cui lo avremo dipinto saranno raccolti per il riciclo. E proprio per riporli in modo che possano venire smaltiti correttamente ci aiuterà il Presidio Soci NovaCOOP, che fornirà le scatole di cartone con cui potranno venire recuperati senza spreco. Perciò l’evento è incluso nelle attività di giugno del programma della campagna europea LET’S CLEAN UP EUROPE 2017 #cleanupeurope

Per tracciare la sagoma del mandala  si useranno ( 1600 )  gessetti bianchi e colorati, prodotti con il gesso, che si estrae da giacimenti come anche proprio nelle cave del Monferrato, per l’occasione in arrivo appositamente da Campodarsego, in provincia di Padova, dove ha sede MOROCOLOR, la ditta che li produce e commercializza con un “marchio” molto bello:

In svolgimento nel contesto di BYO – appuntamento con il benessere e manifestazione che propone un programma di eventi suggestivi, come un concerto di campane tibetane e lo spettacolo letterario-teatrale kamishibai, la performance artistica coinvolge in un’esperienza di scambi culturali gli abitanti della città e del territorio: bambini, ragazzi e giovani insieme agli adulti e agli anziani, eredi di antiche tradizioni… Tante persone, ognuna diversa, perché ciascuna ha diversi interessi, conoscenze e competenze, oppure professa differenti religioni , idee e convinzioni … inoltre insieme ai visitatori e turisti. Proprio la sua ideazione è stata concepita durante un viaggio!  Perciò la manifestazione e l’evento nella sua cornice sono promossi nel calendario #IY2017 ANNO INTERNAZIONALE DEL TURISMO SOSTENIBILE #TravelEnjoyRespect.

I mandala sono infatti opere d’arte religiosa delle tradizioni di paesi dall’altra parte del mondo, anzi precisamente di luoghi fuori dal mondo, monasteri induisti e buddisti arroccati sulle vette himalayane… in particolare a Dharamsala, nell’India del Nord ai confini con il Kashmir dove Lvio Bourbon li ha osservati e fotografati la prima volta nel 1995: «Ho pensato che nella mia terra d’origine invece che con granelli di sabbia si potessero realizzare con chicchi di riso, la produzione tipica del territorio in cui abito. Per evitare sprechi, ho trovato idoneo impiegare la rottura, uno scarto di lavorazione che dopo l’esecuzione dell’opera artistica può venire ancora usato proficuamente, per l’alimentazione animale. Per il mandala proposto da BYO a Casale Monferrato, dove sono nato, ne ho immaginato la creazione in modo ancor più fantasioso…».

Tutti possono essere artisti creatori dell’OPERA D’ARTE COLLETTIVA ESTEMPORANEA : l’esecuzione è facile e non richiede nessuna competenza o estrosità…

• Si può assistere e ci si può aggregare alla sua CREAZIONE e alla sua DISSOLUZIONE in qualsiasi momento: sabato 3 giugno dalle 15 alle 19 per disegnare la sagoma e domenica 4 giugno dalle 10 alle 16 per colorare la forma e dalle 18 alle 19 per giocare a mescolare e lanciare, e po a raccogliere i coriandoli…

La creazione dell’opera e la sua dissoluzione saranno consacrate con CERIMONIE officiate domenica 4 giugno alle 10, alle 16 e alle 18 dal reverendo Shōryō Tarabini, monaco buddista patriarca del tempioNichiren Shū Renkōji a Cereseto Monferrato.

La partecipazione è libera ( senza biglietto d’ingresso, costo d’iscrizione o prenotazione ) e aperta a TUTTI – BAMBINI, RAGAZZI e ADULTI, individualmente e a gruppi.

Agli interessati sarà consegnato l’ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE per la certificazione dell’esperienza nel curriculum vitae e l’assegnazione dei crediti scolastici.

Ognuno riceverà il KIT contenente bibita, snack e gadget offerti da partner e sponsor.

Durante la posa dei coriandoli, i partecipanti potranno contribuire anche alla raccolta di testimonianze che, come tasselli, comporranno un mosaico di CULTURA, STORIA e REALTÀ del Monferrato: racconti, ricordi, curiosità… I REPORTAGE, FOTOREPORTAGE e VIDEOREPORTAGE realizzati nell’occasione potranno venire condivisi con i social-media e raccolti tra i materiali documentali del progetto, nel cui sviluppo sono proposti l’allestimento di una mostra, la pubblicazione in un catalogo multimediale e la produzione di dispense didattiche per le scuole della città e del territorio.

MEDIA-PARTNER

APPUNTAMENTO A… PRESTO !