il MANOSCRITTO di Verona

Oggi è #Shakespeare400 : shakespeareil 400° anniversario dedicato a William Shakespeare! Una data molto significativa, perché il poeta drammaturgo è nato nel 1564 e morto nel 1616 nello stesso luogo, la cittadina inglese di Stratford-upon-Avon, e nello stesso giorno : il 23 aprile!

ROMEO E GIULIETTA Francesco_Hayez_053Tra le sue opere, alcune delle più celebri sono ambientate in Italia, in particolare la sua versione della romantica storia di ROMEO E GIULIETTA.

La vicenda degli innamorati più amati al mondo venne raccontata tra il 1524 e il 1530 dal vicentino Luigi da Porto e poi nelle celebri ‘Novelle’ dallo scrittore monferrino Matteo Bandello, che ne venne a conoscenza quando dal 1529 al 1536 era al seguito del condottiero Cesare Fregoso, detto Campofregoso, che aveva stabilito dimora a Garda, GARDA - palazzo Fregosoin un palazzo che era stato teatro di una vicenda romantica: era stata infatti la casa dei Capuleti, acerrimi nemici dei Montecchi, le famiglie rispettivamente di Giulietta e di Romeo… Nel corso dei decenni, e poi secoli, mentre la loro tragica storia diventava leggenda, delle origini dei due giovani si è persa traccia storiografica. La nonna Silvana, che è di Verona, ci ha raccontato che negli anni ’50 a un suo insegnante d’arte, il professor Antonio Avena, venne un’idea: VR - balcone Giuliettaallestire a Verona la casa di Giulietta in un palazzo antico, rimasto intatto da tempi remoti, in via Cappello, verosimilmente la dimora in città dei Capuleti e, siccome nell’edificio mancava, cercò, trovò e installò nel palazzo un balcone d’epoca somigliante a quello in cui è ambientata la celebre scena dell’opera teatrale di Shakespeare.

In questi giorni a Verona si festeggia l’anniversario del grande scrittore, anche con un’iniziativa che ha coinvolto i ragazzi della città a ‘riscrivere’ la sua versione della storia di GIULIETTA E ROMEO in un favoloso MANOSCRITTO: romeo e giulietta - manoscritto VR qdal 14 febbraio, la festa degli innamorati, al 23 aprile 2016 il testo completo del dramma, il cui originale non è mai stato ritrovato, è stato riscritto a mano da cittadini, visitatori, studenti. Ognuno con la propria calligrafia ha copiato una frase dell’opera sul volume che rappresenterà simbolicamente un segno di condivisione e fratellanza tra le persone, le lingue e le culture, e richiamerà al contempo il messaggio di pace riportato nelle righe conclusive del componimento stesso. Per insegnare ai fortunati partecipanti dell’impresa come scrivere sulla carta pergamena con la penna di piuma d’oca intinta nel calamio colmo d’inchiostro come si faceva ai tempi di Shakespeare, sono state allestite postazioni presso la Biblioteca Civica, la Casa di Giulietta e il Club di Giulietta. Un’idea e progetto di Luca Brunoro, l’iniziativa è stata realizzata con patrocini di UNESCO e della Regione Veneto e contributi della Banca Popolare di Verona, delle veronesi Società AGSM e azienda Bauli, dell’azienda Pelikan, della Cartotecnica Favini, dell’azienda La Kaligrafica, dell’Antica Legatoria Barbieri di Verona, della tipolitografia Roma, del Circolo Fotografico Veronese e del calligrafo Marcello Sartori.

romeo-giulietta-manoscritto-di-verona ret

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...