una mostra e tre incontri sull’AUTISMO

LE PAROLE CHE NON RIESCO A DIRE - dettaglioal Polo Culturale Lombroso16 (via Cesare Lombroso 16, Torino)

LE PAROLE CHE NON RIESCO A DIRE

tre incontri sul tema L’AUTISMO E…

 L’ARTE : Alla ricerca di un dialogo creativo

lunedì 7 aprile, h 18-20

Chi non ha dimestichezza con le parole è costretto a non comunicare? Le tecniche di espressione grafica e visiva si possono insegnare a chiunque e, se proposte nel modo adeguato, costituiscono una possibile alternativa alla parola. Colorare, dipingere, disegnare insieme può quindi diventare un’occasione di dialogo silenzioso ma ricco di significato, un momento di incontro e condivisione. Lianne Schreuder, docente di Arte e Lavorazione Tessile, arteterapista presso il C.S.E. Zefiro di  Bergamo, specializzata in Emerging Body Language presso l’EBL Centre di Marijke Rutten Saris (Facoltà di Ortopedagogia dell’Università di Radboud, Nijmegen, Olanda). Lavora con persone  autistiche adulte a basso funzionamento, proponendo un metodo di espressione artistica che deriva da una relazione tra educatore e utente basata sul linguaggio del corpo. Tea Taramino, artista, arteterapeuta, presso il laboratorio La Galleria InGenio Arte Contemporanea e Circoscrizione 8 della Città di Torino. È stata docente presso la scuola di formazione in Arte Terapia VITT3 di Milano fino al 2012. Cura workshop, mostre ed eventi in collaborazione con istituzioni pubbliche e private, musei e fondazioni. È curatrice di Arte Plurale, manifestazione internazionale di arte relazionale e, attraverso InGenio Arte Contemporanea, si occupa della collezione cittadina di Arte Irregolare.

IL DIRITTO : La tutela di persone e risorse: una strada percorribile 

martedì 8 aprile, h 20.30-22.30 

 I fondi destinati alle persone “diversamente abili” non sono mai stati abbondanti, nemmeno in tempi finanziariamente migliori. I servizi e le cure rivolti alle persone autistiche (e al milione di concittadini non autosufficienti) sono destinati a sparire? Eppure il territorio offre esempi di sistemi virtuosi, nati grazie alla lungimiranza degli operatori di settore e a un’oculata razionalizzazione delle risorse. Inoltre il diritto alle cure è garantito dalle normative nazionali vigenti: affinché siano applicate, occorre innanzitutto conoscerle. Maria Grazia Breda, Presidente di Fondazione Promozione Sociale onlus, promuove il diritto alle cure delle persone non autosufficienti e la tutela dei casi individuali. Da oltre trent’anni è impegnata sul campo del volontariato dei diritti. Membro del comitato di redazione di Controcittà e Prospettive Assistenziali, è co-autrice, insieme al giornalista Andrea Ciattaglia, del libro Non è sufficiente!  Storie e proposte di chi lotta per garantire il diritto alle cure alle persone non autosufficienti (Altreconomia, 2013). Roberto Keller, Medico specialista in Psichiatria e in Neuropschiatria Infantile, Psicoterapeuta, Docente a contratto presso la Scuola di specializzazione  in Psicologia Clinica dell’Università di Torino, dirigente medico presso l’Ambulatorio dei Disturbi dello Spettro Autistico in età adulta dell’ASL To2, primo centro pubblico territoriale di consulenza specialistica sulle condizioni autistiche in età adulta, che offre servizio di valutazione, diagnosi e orientamento al progetto di intervento ai Centri di Salute Mentale, ai servizi sociali e alle famiglie dell’intero capoluogo piemontese.

LA SCRITTURA : Le parole che… non riuscite a capire

mercoledì 9 aprile, h 20.30-22.30

La scrittura è uno spiraglio che consente di osservare le condizioni dello spettro autistico dall’interno: sia nel caso in cui l’autore padroneggi grammatica e sintassi – come gli autistici ad alto funzionamento che, sulla pagina, raccontano di sé – sia nel caso in cui chi scrive le usi “a modo proprio”, offrendo così una preziosa (e finora quasi del tutto trascurata) possibilità di analisi e approccio alla sfera autistica, a partire dalla fase diagnostica ma anche nel delicato percorso successivo, per tentare di conoscere, avvicinarsi, comprendere. Luisa Di Biagio, psicologa e counselor esperta in AAA/AAT (Attività e Terapie Assistite degli Animali), addestratore Enci (Ente Nazionale della Cinofilia Italia). Si occupa di consulenza diretta e online sulla neurodiversità, la Sindrome di Asperger e l’autismo ad alto funzionamento. È autrice di varie pubblicazioni, tra cui Una vita da regina… dei cani. Memorie e riflessioni di una persona Asperger (Erickson, 2011). Carlotta Vibi, linguista, indaga il rapporto tra la  condizione autistica e le sue ricadute linguistiche, con un approccio basato su analisi statistica del contenuto, analisi lessicale, esame delle strutture sintattiche e aspetti semantici e Giulia Zagrebelsky, linguista, applica l’analisi linguistica a testi prodotti da ragazzi Asperger, di cui vengono esaminati lessico, sintassi, punteggiatura e organizzazione testuale. Entrambe operano all’interno del Gruppo di Ricerca Remedia – coordinato da Raffaella Scarpa – che agisce nell’ambito del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino ed è costituito in massima parte da linguisti che lavorano in  sinergia con altre discipline, al fine di mettere in luce e rendere attivi, in un’ottica di interdisciplinarità, i rapporti che legano lingua, medicina e malattia.

 

IL TUO NOME È AUTISMO: IO TI VEDO

La mostra curata dalla dott.ssa Maria Emilia Seira Ozino e da Arianna Porzi, presidente di Angsa Piemonte sez. di Torino onlus, è stata prorogata fino al 19 aprile.  e presenta i lavori svolti nell’ambito di un percorso di sensibilizzazione che ha coinvolto gli studenti sui pensieri elaborati dagli autistici e sulle difficoltà osservate in coetanei e compagni in cui la sindrome è presente. Il percorso di conoscenza, condotto da esperti, si è avvalso della collaborazione di CinemAutismo. La progettazione dell’allestimento tiene conto sia dell’esposizione delle opere che parlano di autismo e sia della fruibilità della mostra da parte delle persone con autismo. I curatori hanno voluto offrire al visitatore, autistico e non, adulto e bambino, un percorso intuitivo e unidirezionale, corredato dagli accattivanti ausili visivi normalmente usati per favorire la comprensione e la comunicazione nelle persone con autismo. 80 con l’obiettivo di promuovere la corretta informazione sulla Sindrome Autistica e organizzare servizi adeguati alle necessità delle persone con autismo. Nel 1997 è stata fondata l’ANGSA Piemonte, oggi sede del territorio di Torino. Dal 2004 è iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato.  L’impegno continuativo e caratterizzante dell’Associazione è quello di sostenere una corretta informazione, implementare le occasioni di formazione specifica e dedicata, promuovere buone prassi nella presa in carico delle persone con autismo/DPS, ideare e/o promuovere sperimentazioni, progetti, servizi specialistici innovativi e sostenibili che possano costituire modelli esportabili sul nostro territorio.

alla Biblioteca Nazionale Universitaria – piazza Carlo Alberto 3, Torino

fino al 19 aprile 2014

dal lunedì al venerdì / 9,30 – 18.30

sabato / 9.30 – 13

INFO: bu-to.eventi@beniculturali.it

tel. 011 8101113 – 011 8101150

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...